dividi

L’edificio oggi occupato dal Liceo “Michelangiolo” è costituito da un nucleo quattrocentesco ampliato e ristrutturato nel Seicento e nell’Ottocento. L'edificio  recentemente (2011) è stato sottoposto a un nuovo intervento di  restauro che ha riguardato  la facciata. Il progetto e le diverse fasi sono state documentate e rese disponibili online.
liceo storia 1Il nucleo quattrocentesco appartiene ad un convento cistercense, detto Cestello. Questo convento, che godette nel secondo Quattrocento della protezione di parenti (Lorenzo Tornabuoni) e amici (Dionisio Pucci) dei Medici, venne ristrutturato probabilmente su progetto di Giuliano da Sangallo. Appartengono a questo nucleo il chiostro d’ingresso, di forme e proporzioni brunelleschiane, formato da campate quadrate coperte da volte a crociera, sorrette da snelle colonne in pietra serena con bei capitelli, e la solenne Sala capitolare con affresco del Perugino che su di esso si affaccia.

Nel 1628 vi si trasferirono le monache carmelitane di S. Frediano che fecero ristrutturare e ampliare il convento. E’ inquest’epoca che nacquero: la palestra grande, ex coro delle monache, con finestre dai bei cartigli ed un affresco, la palestra piccola, che era il Capitolo, l’ambiente antistante la palestra, ampio e voltato con alte crociere composite che fungeva da Sagrestia, le scale, la stanza per il Padre spirituale, oggi stanza dei professori, il parlatorio delle monache e della superiora,oggi rispettivamente segreteria e stanza delle fotocopie e dell’infermeria.

A chi si chiedesse come mai del chiostro quattrocentesco resti solo la metà, si deve infine ricordare che nell’Ottocento le monache furono cacciate, i locali indemaniati per far posto a appartamenti e al nostro liceo che fu fondato nel 1898, ma soprattutto che in vista dell’urbanizzazione della zona di Piazza d’Azeglio e via della Mattonaia, si decise di tracciare la prosecuzione di via della Colonna che arrivava a Borgo Pinti e per fare questo non si esitò a tagliare metà del Chiostro e con esso il Refettorio del vecchio convento cistercense.

Infine un’ultima curiosità: nell’Aula Magna sorprendono due finestre gotiche in pietraforte oggi tamponate, ma dai begli archi acuti: sono una traccia di un convento ancora più antico, costruito tra Duecento e Trecento, per le Repentite, “donne perdute” che avevano deciso di cambiare vita e che significativamente avevano intitolato la chiesa a Maria Maddalena.

Patrizia Dincalci 20160423 091500 Prof.ssa Patrizia D'Incalci

Precedenti esperienze di Dirigenza Scolastica:

  • Direzione Didattica del Centro Storico di Firenze (Circolo V)
  • Istituto Comprensivo Ghiberti (Firenze)
  • Liceo Scientifico Niccolò Rodolico (Firenze)

Ruolo e funzioni:

Il Dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell'istituzione scolastica che ha come obiettivo la qualità dei processi formativi, predisponendo gli strumenti attuativi del piano dell'offerta formativa.

Tale figura ha la rappresentanza legale del Liceo, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Nel rispetto delle competenze degli Organi Collegiali, spettano al Dirigente autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane.

In particolare il Dirigente organizza l'attività scolastica secondo i criteri di trasparenza, efficienza ed economicità.

Contatti:

Riceve, nel suo ufficio, presso il Liceo su appuntamento

.

 

 

 logo repubblica italiana Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 

Liceo Classico Statale Michelangiolo
Via della Colonna 9/11  - 50121 Firenze - Tel. 055.24.78.151

MAIL: FIPC04000N@pec.istruzione.it   FIPC04000N@istruzione.it